fbpx

Assoproli Bari

Profile page

About claudiapinto

  • Email: pinto@assolavorobari.it
  • Nice Name: claudiapinto
  • Website:
  • Registered On :2016-11-15 07:31:09
  • Logged in as: claudiapinto

claudiapinto Messages

E’ iniziata l’attività di monitoraggio della mosca delle olive, una delle più caratterizzanti tra quelle svolte da Assoproli Bari. I campi-spia, allestiti su tre zone omogene (Area BAT, Conca Barese e Sud-Est Barese) vengono monitorarti settimanalmente da tecnici qualificati al fine di verificare l’andamento della popolazione del patogeno e, quindi, del relativo grado d’infestazione per poi dare indicazioni sulle strategie di lotta e gli eventuali trattamenti fitosanitari in un’ottica di sostenibilità e riduzione dell’impatto ambientale dell’olivicoltura.

Nella sezione dedicata del sito “Monitoraggio patogeni 2020/21”, è consultabile il Bollettino Fitosanitario n. 1 del 17/07/2020.

L’attività della mosca delle olive, rilevata nelle tre macroaree, desta preoccupazione in tutti i 3 areali:

  • nella macroarea Area BAT è stata superata la soglia in agro di Corato (alla C.da Tuppicello) e in agro di Bisceglie (alla C.da Colonnella);
  • nella macroarea CONCA BARESE è stata superata la soglia in agro di Bitonto (alla C.da Lago Signori), in agro di Giovinazzo (alle C.de Pappalettera e Torricella) e in agro di Ruvo di Puglia (alle C.de Scuarcione, Calendano, Belluogo, Selva Reale, Pozzo Serpi, Monserino);
  • nella macroarea SUD-EST BARESE è stata superata la soglia in agro di Capurso (alle C.de Tessa, Magliano e Torre Dottula), in agro di Triggiano (C.da San Marco), in agro di Mola di Bari (C.de Piantatelle e Spadone) e in agro di Monopoli (alla Via Castellana).

Strategia di difesa integrata – interventi chimici curativi: Nel caso di superamento della soglia di intervento utilizzare esclusivamente le seguenti sostanze attive: fosmet e acetamiprid secondo le modalità di impiego riportate in etichetta e nel numero massimo di 2 interventi l’anno, indipendentemente dall’avversità da controllare.

Assoproli Bari sta formalmente inviando all’osservatorio fitosanitario ella Regione Puglia istanza di deroga all’uso del dimethoate, nel disciplinare di produzione integrata, in virtù delle infestazioni in atto.

Fase fenologica olivo: indurimento nocciolo.

Condizioni climatiche: con evoluzione favorevole all’aumento della popolazione del dittero.

Ricordiamo che i consulenti fitosanitari Assoproli Bari sono disponibili presso le Cooperative associate per illustrare più dettagliatamente la situazione  in corso e che per ogni altra eventuale informazione è possibile contattare il numero verde 800609660.

 1

Il giorno 12 marzo 2020, con inizio alle 17,30 presso la sede del Max Caffè in Bari alla Via P. Lembo n. 12, si svolgerà un corso di avvicinamento.

Le finalità perseguite da questo breve corso sono duplici:
·       da un lato fornire ai partecipanti una infarinatura generale sull’ olio Extra Vergine di Oliva (EVO) partendo dalla coltivazione e giungendo all’assaggio attraversando, se pur brevemente, ciascuna fase della produzione;
·       dall’altro lato si vuole destare curiosità verso questo prodotto con l’obiettivo di invogliare ad approfondire le tematiche affrontate partecipando ad un corso più completo e strutturato.
Entrambi gli obiettivi convergono verso il fine ultimo di creare quella tanto auspicata cultura di prodotto che è l’unica soluzione ai mali del settore.

Il corso si svolge in due fasi, uno terico ed uno pratico.
Nella parte teorica si affronteranno argomenti concernenti l’EVO, le sue caratteristiche, le tecniche di produzione, l’etichettatura, riferimenti normativi, teoria dell’analisi sensoriale seguendo il seguente percorso logico:
·       cos’è l’olio extra vergine di oliva;
·       l’oliveto e l’oliva con i differenti cultivar (cenni);
·       tempi e tecniche di raccolta (cenni);
·       tecniche di conservazione delle olive (cenni);
·       differenti tecniche di trasformazione del prodotto (cenni);
·       la qualità di un EVO;
·       classificazione merceologica;
·       corretta conservazione del prodotto;
·       caratteristiche organolettiche: pregi e difetti;
·       caratteristiche chimiche (cenni);
·       analisi dei difetti e cause che li hanno determinati;
·       analisi sensoriale ed analisi chimica;
·       corretta etichettatura (cenni);
·       le DOP (cenni).
Alla fine di questo modulo teorico i partecipanti avranno acquisito una  conoscenza teorica di base sul prodotto che avrà chiarito gran parte dei dubbi in merito all’olio extravergine di oliva ed alle sue caratteristiche.
Seguirà il modulo pratico di assaggio in cui si provvederà a far assaggiare sia produzione esente da difetti organolettici, che campioni rappresentativi di prodotti con i difetti più comuni in modo tale da permettere ai partecipanti di riconoscerli autonomamente.

Alla fine del corso, per chi vorrà, la serata continuerà con una cena dove saranno protagonisti gli oli extra vergini DOP Terra di Bari Assoproli Bari proprio per esaltare le varie caratteristiche e gli abbinamenti in cucina. Ricordiamo che l’olio extra vergine di oliva non è un semplice condimento ma un vero e proprio ingrediente fondamentale per esaltar i sapori delle pietanze. Verranno eseguite anche delle degustazioni di vini gentilmente offerti dalle Cantine Torrevento SRL.

Per prenotarsi al corso e/o alla cena, rivolgersi direttamente al Max caffè al numero indicato in locandina.

Clicca qui per la locandina

 Like

Parte un nuovo corso tecnico per assaggiatori di oli di oliva vergini presso la sede secondaria della società SESIL in Via Estramurale Volta n. 50 a Terlizzi. Sei le giornate previste, dall’11 marzo al  27 marzo, sei sessioni formative con orario dalle 15:00 alle 21:00 per un totale complessivo di 36 ore di lezioni.

Il corso è organizzato ai sensi dell’Allegato XII del Reg. CE n. 2568/91 e dell’art. 2 D.Mipaaf 18/06/2014 G.U. Repubblica Italiana n. 199 del 28/08/2014. Le lezioni di assaggio sono a cura di Capi Panel riconosciuti ed iscritti all’Albo Nazionale secondo il metodo previsto dal predetto Regolamento Comunitario. Ai partecipanti che superano le quattro prove selettive viene rilasciato il certificato di Idoneità Fisiologica all’Assaggio.

Vi ricordiamo che superando questo corso, detto anche di primo livello, si può accedere al secondo livello consistenti in 20 sedute ufficiali di assaggio.

Sono aperte le iscrizioni! Info tel. 0805534041 – mail.: amministrazione@assolavorobari.it

Clicca qui per la locandina

Clicca qui per la scheda di iscrizione

 Like

A partire dal 12 febbraio 2020 parte un nuovo corso tecnico per assaggiatori di oli di oliva vergini presso la sede del Palazzo Marchesale di Santeramo. Sei le giornate previste, dal 12 febbraio e si concluderanno il 21, con orario dalle 15:00 alle 21:00 per un totale complessivo di 36 ore di lezioni.

Il corso è organizzato ai sensi dell’Allegato XII del Reg. CE n. 2568/91 e dell’art. 2 D.Mipaaf 18/06/2014 G.U. Repubblica Italiana n. 199 del 28/08/2014. Le lezioni di assaggio sono a cura di Capi Panel riconosciuti ed iscritti all’Albo Nazionale secondo il metodo previsto dal predetto Regolamento Comunitario.

Vi ricordiamo che superando questo corso, detto anche di primo livello, si può accedere al secondo livello (20 sedute ufficiali di assaggio).

Sono aperte le iscrizioni! Info tel. 0805534041 – mail.: amministrazione@assolavorobari.it

Clicca qui per la locandina

Clicca qui per la scheda di iscrizione

 Like

Nella sezione dedicata del sito – “Area tecnica”, è consultabile il Bollettino Fitosanitario n. 14 del 25 ottobre  2019.

L’attività della mosca delle olive, rilevata nelle tre macroaree, desta preoccupazione solo in alcuni agri tra quelli monitorati.

L’infestazione attiva è minima e pertanto lontana dalla soglia di intervento ad eccezione di alcune contrade in agro di Corato, Bisceglie, Ruvo di Puglia, Mola di Bari, Monopoli, Carovigno, Ostuni e Capurso in cui è stata superata la soglia di intervento.

Strategia di difesa integrata – interventi chimici curativi: Nel caso di superamento della soglia di intervento utilizzare esclusivamente le seguenti sostanze attive: dimetoato, fosmet e acetamiprid secondo le modalità di impiego riportate in etichetta e nel numero massimo di 2 interventi l’anno, indipendentemente dall’avversità da controllare.

Fase fenologica olivo: accrescimento secondario drupe.

Condizioni climatiche: non sono favorevoli all’infestazione.

Ricordiamo che i tecnici Assoproli Bari sono disponibili presso le Cooperative associate per illustrare più dettagliatamente la situazione fitosanitaria in corso e che per ogni altra eventuale informazione è possibile contattare il numero verde 800609660.

 Like

Nella sezione dedicata del sito – “Area tecnica”, è consultabile il Bollettino Fitosanitario n. 13 del 18 ottobre 2019.

L’attività della mosca delle olive, rilevata nelle tre macroaree, desta preoccupazione solo in alcuni agri tra quelli monitorati.

L’infestazione attiva è minima e pertanto lontana dalla soglia di intervento ad eccezione di alcune contrade in agro di Andria, Paloo del Colle, Ruvo di puglia e Adelfia in cui è stata superata la soglia di intervento.

Strategia di difesa integrata – interventi chimici curativi: Nel caso di superamento della soglia di intervento utilizzare esclusivamente le seguenti sostanze attive: dimetoato, fosmet e acetamiprid secondo le modalità di impiego riportate in etichetta e nel numero massimo di 2 interventi l’anno, indipendentemente dall’avversità da controllare.

Fase fenologica olivo: accrescimento secondario drupe.

Condizioni climatiche: non sono favorevoli all’infestazione.

Ricordiamo che i tecnici Assoproli Bari sono disponibili presso le Cooperative associate per illustrare più dettagliatamente la situazione fitosanitaria in corso e che per ogni altra eventuale informazione è possibile contattare il numero verde 800609660.

 1

Continua l’attività di monitoraggio della mosca delle olive, una delle più caratterizzanti tra quelle svolte da Assoproli Bari. Ricordiamo che i campi-spia, allestiti su tre zone omogene (Area BAT, Conca Barese e Sud-Est Barese) vengono monitorati settimanalmente da tecnici qualificati al fine di verificare l’andamento della popolazione del patogeno e, quindi, del relativo grado d’infestazione per poi dare indicazioni sulle strategie di lotta e gli eventuali trattamenti fitosanitari in un’ottica di sostenibilità e riduzione dell’impatto ambientale dell’olivicoltura.

Nella sezione dedicata del sito – “Area tecnica”, è consultabile il Bollettino Fitosanitario n. 8 del 13 settembre 2019.

L’attività della mosca delle olive, rilevata nelle tre macroaree, desta preoccupazione solo in alcuni agri tra quelli monitorati.

L’infestazione attiva è minima e pertanto lontana dalla soglia di intervento ad eccezione di alcune contrade in agro di Trani, Palo del Colle, Grumo Appula, Bitetto, Capurso, Monopoli e Mola di Bari in cui è stata superata la soglia di intervento.

Strategia di difesa integrata – interventi chimici curativi: Nel caso di superamento della soglia di intervento utilizzare esclusivamente le seguenti sostanze attive: dimetoato, fosmet e acetamiprid secondo le modalità di impiego riportate in etichetta e nel numero massimo di 2 interventi l’anno, indipendentemente dall’avversità da controllare.

Fase fenologica olivo: accrescimento secondario drupe.

Condizioni climatiche: non sono favorevoli all’infestazione

Ricordiamo che i tecnici Assoproli Bari sono disponibili presso le Cooperative associate per illustrare più dettagliatamente la situazione fitosanitaria in corso e che per ogni altra eventuale informazione è possibile contattare il numero verde 800609660.

 Like

E’ in pieno svolgimento l’attività di monitoraggio della mosca delle olive, una delle più caratterizzanti tra quelle svolte da Assoproli Bari. I campi-spia, allestiti su tre zone omogene (Area BAT, Conca Barese e Sud-Est Barese) vengono monitorati settimanalmente da tecnici qualificati al fine di verificare l’andamento della popolazione del patogeno e, quindi, del relativo grado d’infestazione per poi dare indicazioni sulle strategie di lotta e gli eventuali trattamenti fitosanitari in un’ottica di sostenibilità e riduzione dell’impatto ambientale dell’olivicoltura.

Nella sezione dedicata del sito –“Area tecnica”, è consultabile il Bollettino Fitosanitario n. 8 del 13 settembre 2019.

L’attività della mosca delle olive, rilevata nelle tre macroaree, non desta preoccupazione per la maggior parte dei campi monitorati.

L’infestazione attiva è minima e pertanto lontana dalla soglia di intervento ad eccezione di alcune contrade in agro di Capurso e Palo del Colle in cui è stata superata la soglia di intervento.

Strategia di difesa integrata – interventi chimici curativi: Nel caso di superamento della soglia di intervento utilizzare esclusivamente le seguenti sostanze attive: dimetoato, fosmet e acetamiprid secondo le modalità di impiego riportate in etichetta e nel numero massimo di 2 interventi l’anno, indipendentemente dall’avversità da controllare.

Fase fenologica olivo: accrescimento secondario drupe.

Condizioni climatiche: non sono favorevoli all’infestazione.

Ricordiamo che i tecnici Assoproli Bari sono disponibili presso le Cooperative associate per illustrare più dettagliatamente la situazione fitosanitaria in corso e che per ogni altra eventuale informazione è possibile contattare il numero verde 800609660.

 2

E’ in pieno svolgimento l’attività di monitoraggio della mosca delle olive, una delle più caratterizzanti tra quelle svolte da Assoproli Bari. I campi-spia, allestiti su tre zone omogene (Area BAT, Conca Barese e Sud-Est Barese) vengono monitorati settimanalmente da tecnici qualificati al fine di verificare l’andamento della popolazione del patogeno e, quindi, del relativo grado d’infestazione per poi dare indicazioni sulle strategie di lotta e gli eventuali trattamenti fitosanitari in un’ottica di sostenibilità e riduzione dell’impatto ambientale dell’olivicoltura.

Nella sezione dedicata del sito –“Area tecnica”, è consultabile il Bollettino Fitosanitario n. 7 del 6 settembre 2019.

L’attività della mosca delle olive, rilevata nelle tre macroaree, non desta preoccupazione per la maggior parte dei campi monitorati.

L’infestazione attiva è minima e pertanto lontana dalla soglia di intervento ad eccezione di alcune contrade in agro di Giovinazzo e Palo del Colle in cui è stata superata la soglia di intervento. La soglia di intervento è stata superata anche in una contrada in agro di Bitetto ma solo per cultivar da mensa “Termite di Bitetto”, la quale, essendo da mensa, ha una soglia di intervento bassa.

Strategia di difesa integrata – interventi chimici curativi: Nel caso di superamento della soglia di intervento utilizzare esclusivamente le seguenti sostanze attive: dimetoato, fosmet e acetamiprid secondo le modalità di impiego riportate in etichetta e nel numero massimo di 2 interventi l’anno, indipendentemente dall’avversità da controllare.

Fase fenologica olivo: accrescimento secondario drupe.

Condizioni climatiche: con evoluzione favorevole all’aumento della popolazione del dittero.

Ricordiamo che i tecnici Assoproli Bari sono disponibili presso le Cooperative associate per illustrare più dettagliatamente la situazione fitosanitaria in corso e che per ogni altra eventuale informazione è possibile contattare il numero verde 800609660.

 1

E’ in pieno svolgimento l’attività di monitoraggio della mosca delle olive, una delle più caratterizzanti tra quelle svolte da Assoproli Bari. I campi-spia, allestiti su tre zone omogene (Area BAT, Conca Barese e Sud-Est Barese) vengono monitorarti settimanalmente da tecnici qualificati al fine di verificare l’andamento della popolazione del patogeno e, quindi, del relativo grado d’infestazione per poi dare indicazioni sulle strategie di lotta e gli eventuali trattamenti fitosanitari in un’ottica di sostenibilità e riduzione dell’impatto ambientale dell’olivicoltura.

Nella sezione dedicata del sito –“Area tecnica”, è consultabile il Bollettino Fitosanitario n. 6 del 30 agosto 2019.

L’attività della mosca delle olive, rilevata nelle tre macroaree, non desta preoccupazione fatta eccezione per il campo allestito in Contrada Torricella di Giovinazzo dove l’infestazione è attiva e prossima alla soglia di intervento..

Altra situazione da monitorare attentamente è quella riscontrata nei campi allestiti nel Sud-Est barese e alto Brindisino .

Strategia di difesa integrata – interventi chimici curativi: Nel caso di superamento della soglia di intervento utilizzare esclusivamente le seguenti sostanze attive: dimetoato, fosmet e acetamiprid secondo le modalità di impiego riportate in etichetta e nel numero massimo di 2 interventi l’anno, indipendentemente dall’avversità da controllare.

Fase fenologica olivo:  accrescimento secondario drupe.

Condizioni climatiche: con evoluzione favorevole all’aaumento della popolazione del dittero.

Ricordiamo che i consulenti fitosanitari  Assoproli Bari sono disponibili presso le Cooperative associate per illustrare più dettagliatamente la situazione  in corso e che per ogni altra eventuale informazione è possibile contattare il numero verde 800609660.

 Like

Avvertenza: questo sito consente l’invio di cookie di terze parti, per inviarti messaggi in linea con i tuoi interessi. Per ulteriori informazioni o per negare il consenso, all’installazione di tutti o di alcuni cookie, si veda l’informativa sui cookie Vai alla informativa sui cookie

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close